Fallito con credito Stato:no a esproprio

Il tribunale di Brescia ha accettato la domanda di liquidazione presentata dal legale di Sergio Bramini, l'imprenditore monzese dichiarato fallito nonostante un credito di 4 milioni di euro verso lo Stato. "Con l'accesso alla procedura di sovraindebitamento - spiega l'avvocato Monica Pagano. - e il decreto di apertura della liquidazione non possono essere iniziate e proseguite azioni cautelari o esecutive né acquistati diritti di prelazione sul patrimonio oggetto di liquidazione da parte dei creditori. Si bloccherà immediatamente l'esproprio dell'azienda di Bramini, per cui i giudici avevano annunciato la decisione il 16 gennaio" Bramini aveva ricevuto tanta solidarietà, anche da Di Maio e Salvini. "Sono commosso", ha dichiarato l'imprenditore monzese, "è una delle più belle Vigilie di Natale della mia vita. Ma ora, più di prima, voglio che venga approvata una legge a tutela di chi vive i miei stessi problemi. E sogno di ricomprare la mia casa".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Il Giorno.it
  2. La Gazzetta di Parma
  3. La Gazzetta di Parma
  4. La Gazzetta di Parma
  5. La Gazzetta di Parma

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Piadena

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...