Crac Parma, chiusa indagine per 25

Concorso in bancarotta fraudolenta aggravata, accesso abusivo al credito, truffa, bancarotta documentale: sono i reati per cui la Procura di Parma ha chiuso l'inchiesta a carico di 25 persone per il crac del Parma Calcio, fallito a marzo 2015. L'atto è in notifica agli indagati, tra cui l'ex presidente Tommaso Ghirardi e l'ex ad Pietro Leonardi. Tra le accuse, falsificazioni nei bilanci 2010-2014 con operazioni, come compravendite di giocatori, non contabilizzate o contabilizzate in modo errato per milioni. L'avviso è firmato dal Pm Paola Dal Monte ed è inviato ai due ex vertici della società emiliana, che dopo essere ripartita dai dilettanti è tornata nel frattempo in serie B, e a ex membri del Cda e del collegio sindacale. Negli atti si parla di illecite falsificazioni contabili e di bilancio che hanno permesso la continuità aziendale in assenza dei requisiti economico-patrimoniali, provocando il dissesto della società, intervenuto nel 2015, ma di fatto già esistente a luglio 2012.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Il Giorno.it
  2. La Gazzetta di Parma
  3. La Gazzetta di Parma
  4. La Gazzetta di Parma
  5. La Gazzetta di Parma

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Piadena

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...